domenica 29 maggio 2011

Sogliola alla "quasi" mugnaia

Solo pochi minuti fa ho letto la vera ricetta della sogliola alla mugnaia. Scusate se mi avvalgo impropriamente di questo titolo per il post, ma ho scritto "quasi", eh?! Quando ho preparato questo piatto non ho avuto la possibilità di cercare aiuto su internet perchè la connessione aveva problemi legati al server. E così mi sono arrangiata.
Confesso che era da anni ed anni che non mangiavo più questo pesce. Il fatto è che non si capisce mai cosa faccia bene e cosa no: ciò che mangi da una vita diventa all'improvviso l'alimento più velenoso esistente sulla faccia della terra. Le sogliole, vivendo nei fondali, risultavano essere intrise di mercurio, poi non ne ho più sentito parlare, chissà!?
Proprio oggi ho sentito al telegiornale una notizia che mi sta preoccupando, mi riferisco ad un batterio che si sta propagando dalla Germania del nord ad altri Paesi eurpei e che ha già causato una decina di morti. Pare che a trasmetterlo all'uomo sia un qualche tipo di verdura, non è chiaro ancora quale. Si pensava al cetriolo, ma pare che arrivi anche da altro. Aiuto!! 
Le sogliole, comunque, ci sono piaciute. Mercurio o meno.

Ingredienti per 2 persone:

- due sogliole
- prezzemolo
- due spicchi di aglio
- olio
- farina di riso

Procedimento:


Pulire due spicchi di aglio e porli in una casseruola insieme all'olio. Accendere il gas. 


Disporre in un piatto la farina di riso e impanarvi le sogliole. Quando gli spicchi saranno imbionditi aggiungere le sogliole.


Nel frattempo tritare un bel mazzo di prezzemolo. Le sogliole sono cotte quando la loro carne diventa bianca. Tempo di cottura una decina di minuti.


Questa foto l'ho fatta per inquadrare un particolare presente in entrambe le sogliole: sono le uova? Chi mi sa rispondere? A me smbrano proprio loro. Ditemi, ditemi!
Avrete notato che non ho aggiunto il sale, ebbene sì, è un mio difetto. Si fa sempre in tempo ad aggiungerlo....ma non a "toglierlo"!! Sinceramente i pesci mi piacciono così, senza sale. I gusti sono gusti.

Nessun commento:

Posta un commento